GRANDI ABBUFFATE?

ECCO GLI ALIMENTI DETOX PER RITORNARE IN FORMA

Come fare per riprendersi dopo i bagordi culinari che hanno messo a dura prova il nostro equilibrio? La reazione istintiva nei giorni immediatamente successivi alle grandi abbuffate è quella di digiunare, pensando sia questa la modalità più corretta per compensare ai danni fatti. Il digiuno o le grandi rinunce non sono mai la scelta migliore in questi casi: per smaltire gli eccessi alimentari, infatti, è sufficiente orientarsi su cibi leggeri e disintossicanti, riducendo un pò la quantità.

Per cominciare, quindi, allontaniamo per un pò dalla tavola e dalla dispensa i cibi elaborati e molto grassi, i salumi, i dolciumi, i formaggi, le fritture, le bibite gassate ed alcoliche, riduciamo la quantità di carboidrati e orientiamoci sui cibi dal “potere” depurativo.

La frutta garantisce una buona parte delle sostanze nutritive di cui l’organismo necessita ogni giorno. È ricca di vitamine e sali minerali (la cui azione combinata ha un ottimo effetto antiossidativo, combattendo efficacemente i radicali liberi), acqua, fibre, una certa percentuale di proteine: ecco perché non dovrebbero mai mancare almeno un paio di porzioni ogni giorno di frutta.

Mele: sono quasi totalmente prive di grassi, regolano la glicemia per cui sono adattissime a chi ha bisogno di controllare i livelli di zuccheri nel sangue, inoltre sono alcaline e aiutano a tamponare l’acidità accumulata dagli eccessi alimentari.
Arance: sono un mix di vitamine C e B (nello specifico, 1, 2, 3 e 5), hanno proprietà antianemiche e antiossidanti notevoli.
Pere: ottime sempre, oltre alle vitamine, hanno alte quantità di fibre che aiutano la regolarità intestinale.
Kiwi: hanno più vitamina C anche delle arance, risultando utilissimi nel rafforzamento delle difese immunitarie e nell’azione antiossidante.

Così come per la frutta, anche la verdura è un’ottima fonte di succhi pieni di vitamine, Sali minerali e fibre. Tutto ciò rende le verdure importanti per il buon funzionamento dell’intestino, per facilitare la diuresi e contribuire a depurare il fegato. Vediamone alcune nello specifico:

Lattuga: ipocalorica, ricca di fibre, di Sali minerali e vitamine, apporta benefici a tutto l’organismo, riduce la produzione di gas intestinali e facilita la digestione, ha effetti ipoglicemizzanti, combatte i radicali liberi e ha proprietà calmanti e blandamente sedative.
Finocchio: è noto soprattutto per le sue capacità digestive, evitando la formazione dei gas intestinali e gli spasmi addominali dolorosi, ma non solo, importanti sono anche le proprietà depurative sia del sangue che del fegato. Il pesto di finocchio è eccezionale, nutriente e depurativo.
Zucca: poche calorie, tanta acqua e fibre e moltissimo gusto. La zucca ha ottime capacità disintossicanti e diuretiche che facilitano lo smaltimento delle tossine accumulate.
Carciofi: sono i protettori del fegato, favoriscono la diuresi e la secrezione biliare, e stimolano al meglio l’eliminazione delle tossine, specialmente quando sono consumati in infuso, ricavato dalle foglie lasciate a riposare in acqua bollente per diversi minuti.

Cereali integrali: quali scegliere?

I cereali integrali in chicchi sono un concentrato di fibre e di micronutrienti che svolgono numerosi compiti: riducono i processi infiammatori, stimolano il sistema immunitario, proteggono le cellule dall’azione dei radicali liberi e migliorano la funzionalità intestinale. Per questo motivo, sarebbe buona norma portarne in tavola almeno una porzione ogni giorno, preferendola ai carboidrati raffinati e alle farine bianche.

Leggi l’articolo completo asko.it